Cosa sono gli atti vandalici ?

Nel glossario assicurativo l’atto vandalico viene definito come il danneggiamento o deturpamento ed imbrattamento del veicolo per puro gusto di distruzione, così come disciplinato dagli artt. 635 e 639 del Codice Penale.

La copertura sugli atti vandalici è una garanzia accessoria, non obbligatoria e non compresa nella polizza rc auto, per ottenerla è necessario richiederla espressamente in fase di contratto.

Il premio di una assicurazione sugli atti vandalici varia in base al capitale assicurato, il quale viene stabilito secondo il valore del veicolo al momento della stipulazione. Altro parametro che influisce sensibilmente sul premio è, come nella copertura rc auto, la provincia di residenza dell’assicurato.

Quando si stipula questa garanzia accessoria è consigliato controllare che agli atti vandalici vengano compresi anche gli eventi sociopolitici (tumulti popolari, scioperi, sommosse, atti di terrorismo e sabotaggio) e che non siano invece esclusi dalla copertura.


Per la maggior parte delle Compagnie, l’assicurazione degli atti vandalici è subordinata all’acquisto della polizza furto ed incendio.

 

Non tutti i graffi sono atti vandalici

Quando ci ritroviamo l’auto graffiata, ad esempio fuori da un supermercato, perché un auto uscendo dal parcheggio in retromarcia ha urtato la nostra vettura e non curandosi del danno lascia il luogo dell’incidente senza lasciare recapiti, in questo caso non si tratta di un atto vandalico ma di un danno da circolazione (la sosta è un momento della circolazione) e quindi non è un evento coperto dalla garanzia accessoria sugli atti vandalici.

In caso di atto vandalico, come ad esempio una strisciata di chiave sulla fiancata o una ruota squarciata da una lama, bisogna presentare una denuncia contro ignoti presso le Forze dell’Ordine e comunicare l’accaduto alla compagnia assicurativa entro i giorni stabiliti nelle condizioni di polizza (molta attenzione su questo punto altrimenti si rischia di perdere parzialmente o addirittura totalmente il risarcimento). Successivamente l’assicurazione incaricherà un perito per controllare i danni subiti dal veicolo per poi procedere alle pratiche di risarcimento delle spese necessarie per la riparazione, al netto di eventuali scoperti o franchigie che nel 99% dei casi sono inclusi nel contratto.

Hai subito un danno da atti vandalici? Richiedi l’assistenza di un nostro esperto per ottenere il giusto risarcimento.

Prendiamo ad esempio un’assicurazione sugli atti vandalici che viene prestata con uno scoperto del 10% , con un minimo di 200 euro. I danni verranno risarciti nel seguente modo:

  • Danno subito 500 euro.  Scoperto del 10% = 50 euro.  Minimo 200. Risarcimento 500-200 = 300 euro.
  • Danno subito 1000 euro. Scoperto del 10% = 100 euro. Minimo 200. Risarcimento 1000-200 = 800 euro.
  • Danno subito 2500 euro. Scoperto del 10% = 250 euro. Minimo 200. Risarcimento 2500-250= 2250 euro.



VN:F [1.9.22_1171]
<- L'articolo ti e' stato utile ? : +4 voti positivi