Addio al tagliando cartaceo entro due anni

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale n.232 del 03/10/2013 entra ufficialmente in vigore il processo di dematerializzazione dei tagliandi assicurativi stabilito dal Decreto n.27 del 24 marzo 2012.

Attraverso la dematerializzazione i vecchi contrassegni assicurativi cartacei, relativi a polizze rc auto, saranno sostituiti con sistemi elettronici o telematici che consentiranno, attraverso l’utilizzo della banca dati del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti anche mediante strumenti di controllo e di rilevamento a distanza, di verificare la corrispondenza dei dati del veicolo con la presenza e la validità della copertura assicurativa obbligatoria.

Questo processo si concluderà entro due anni dall’entrata in vigore del presente regolamento con conseguente termine dell’obbligo di esposizione del vecchio tagliando cartaceo.

Nella banca dati, istituita presso la Direzione generale per la Motorizzazione del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, saranno inserite le informazioni dell’Archivio nazionale dei veicoli, dell’Anagrafe nazionale degli abilitati alla guida e tutti i dati delle compagnie assicurative riguardo la data di decorrenza, di sospensione e di scadenza delle polizze rc auto.

 

Informazioni sulla copertura assicurativa in tempo reale

Con i nuovi contrassegni elettronici sarà possibile la verifica immediata della copertura assicurativa anche mediante dispositivi a distanza come ad esempio gli autovelox che potranno controllare automaticamente la regolarità dell’assicurazione auto dei veicoli in circolazione.

Un provvedimento nato per contrastare il crescente fenomeno della circolazione stradale senza copertura assicurativa che in Italia viene stimato in oltre tre milioni e mezzo di veicoli.

Le informazioni sulle coperture assicurative saranno pubbliche e consultabili gratuitamente mediante internet, in modo da permettere a chiunque di verificare istantaneamente se un veicolo è provvisto o meno dell’assicurazione obbligatoria.

Secondo quanto stabilito dal Decreto, entro 30 giorni sarà resa operativa la struttura informatica della banca dati, entro 60 giorni saranno inseriti i dati assicurativi dagli archivi dell’ANIA e nei 18 mesi successivi invece sarà predisposto il database al collegamento con i dispositivi e le apparecchiature elettroniche utilizzate per il rilevamento a distanza delle violazioni del Codice della Strada.

L’assicurazione diventa sempre più telematica, considerato anche il recente obbligo per le compagnie assicurative di permettere ai propri clienti di accedere alla propria situazione assicurativa relativa a premi, scadenze, valori di riscatto, prestazioni e di scaricare l’attestato di rischio della copertura Rc auto tramite il proprio sito internet.



VN:F [1.9.22_1171]
<- L'articolo ti e' stato utile ? : +4 voti positivi