I consigli su come comportarsi a seguito di un incidente

Prima cosa da fare è accertarsi che non ci siano feriti, ricordiamo che il Codice Civile prevede l’obbligo di salvataggio. L’assicurato ha il dovere di fare tutto ciò che può per limitare, diminuire o addirittura evitare il danno, durante o dopo il momento dell’incidente. Le spese sostenute dall’assicurato per limitare il danno saranno poi risarcite dalla compagnia di assicurazione. In caso di omissione dolosa l’assicurato perde il diritto al risarcimento.

Compilare il modulo blu o constatazione amichevole d’incidente  e consegnarlo entro 3 giorni alla propria Compagnia Assicurativa.

I dati necessari per compilare il modulo sono : data e luogo del sinistro, dati identificativi dell’assicurato (nome, cognome, codice fiscale, indirizzo e numero di telefono), dati della vettura (marca, tipo e numero di targa), dati della polizza assicurativa (Compagnia, numero di polizza, scadenza polizza, nome, indirizzo e numero di telefono dell’agenzia o dell’intermediario), dati identificativi del conducente (nome, cognome, codice fiscale, indirizzo, numero di telefono, numero della patente), dati identificativi dei testimoni (nome, cognome, indirizzo e numero di telefono), indicazione della pubblica autorità eventualmente intervenuta.

Compilato e firmato da entrambi i conducenti coinvolti il modulo blu velocizza le pratiche di risarcimento dell’assicurazione.

 

La responsabilità in un incidente

Come determinare la responsabilità in un incidente stradale. (leggi l’articolo)

Se non si trova un accordo sulla dinamica dell’incidente è opportuno compilare lo stesso il modulo blu in modo che ciascun conducente riporti la propria versione dei fatti e consegnarlo alla propria Compagnia Assicurativa.

Se non si ha a disposizione un modulo blu, scrivere su un foglio i dati necessari sopra elencati per poi trascriverli successivamente su un modulo blu.

Se non si trova un accordo sulla colpa, è consigliabile individuare tempestivamente dei testimoni e raccogliere  le loro dichiarazioni e generalità.

Se non sono presenti dei testimoni si può richiedere l’intervento di una pubblica autorità per accertare la dinamica dell’incidente.

Consigliamo di fare delle foto, anche con il cellulare, ad entrambi i veicoli e ai danni subiti. Se non si dispone di una fotocamera, fare finta di scattarle con un cellulare qualsiasi. Un conducente malintenzionato, credendo che ci siano delle prove fotografiche, sarà meno propenso a rilasciare false testimonianze sull’accaduto, che ricordiamo costituiscono reato penale.

La procedura “Convenzione indennizzo diretto” (CID), consente all’assicurato che abbia in tutto o in parte ragione, di ottenere il risarcimento dei danni direttamente dalla propria assicurazione a patto che:

il modulo blu sia firmato da entrambi i conducenti;

i veicoli coinvolti siano solo due (escluse macchine agricole e ciclomotori);

i danni alla persona non superino i 15.000 euro (per i danni materiali non sussiste limite).

Ultimo consiglio: GUIDATE CON PRUDENZA.



VN:F [1.9.22_1171]
<- L'articolo ti e' stato utile ? : +5 voti positivi