Per la risposta a questo quesito ci viene incontro il Dipartimento per i Trasporti, la Navigazione e i Sistemi Informativi e Statistici del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, che in data 19 gennaio 2011 dichiara:

Per quanto concerne la circolazione sulle rotatorie, si osserva che in linea generale ricorre l’applicazione dell’art. 154 del Nuovo Codice della Strada (DLgs n. 285/1992)

 

Art. 154. Cambiamento di direzione o di corsia o altre manovre

1. I conducenti che intendono eseguire una manovra per immettersi nel flusso della circolazione, per cambiare direzione o corsia, per invertire il senso di marcia, per fare retromarcia, per voltare a destra o a sinistra, per impegnare un’altra strada, o per immettersi in un luogo non soggetto a pubblico passaggio, ovvero per fermarsi, devono:

a) assicurarsi di poter effettuare la manovra senza creare pericolo o intralcio agli altri utenti della strada, tenendo conto della posizione, distanza, direzione di essi;
b) segnalare con sufficiente anticipo la loro intenzione.


2. Le segnalazioni delle manovre devono esser effettuate servendosi degli appositi indicatori luminosi di direzione. Tali segnalazioni devono continuare per tutta la durata della manovra e devono cessare allorchè essa è stata completata. Con gli stessi dispositivi deve essere segnalata anche l’intenzione di rallentare per fermarsi. Quando i detti dispositivi manchino, il conducente deve effettuare le segnalazioni a mano, alzando verticalmente il braccio qualora intenda fermarsi e sporgendo, lateralmente, il braccio destro o quello sinistro, qualora intenda voltare.

3. I conducenti devono, altresì:

a) per voltare a destra, tenersi il più vicino possibile sul margine destro della carreggiata;
b) per voltare a sinistra, anche per immettersi in luogo non soggetto a pubblico passaggio, accostarsi il più possibile all’asse della carreggiata e, qualora si tratti di intersezione, eseguire la svolta in prossimità del centro della intersezione e a sinistra di questo, salvo diversa segnalazione, ovvero quando si trovino su una carreggiata a senso unico di circolazione, tenersi il più possibile sul margine sinistro della carreggiata. In entrambi i casi i conducenti non devono imboccare l’altra strada contromano e devono usare la massima prudenza;
c) nelle manovre di retromarcia e di immissione nel flusso della circolazione, dare la precedenza ai veicoli in marcia normale.

4. É vietato usare impropriamente le segnalazioni di cambiamento di direzione.

5. Nell’esecuzione delle manovre i conducenti non devono eseguire brusche frenate o rallentare improvvisamente.

6. L’inversione del senso di marcia è vietata in prossimità o in corrispondenza delle intersezioni, delle curve e dei dossi.

 

La risposta

In particolare il comma 1 prescrive che tutti i conducenti, prima di effettuare una manovra, devono preventivamente assicurarsi di non creare pericolo o intralcio agli altri conducenti, e segnalare con sufficiente anticipo la loro intenzione.
Quale che sia l’ordine di precedenza stabilito nella rotatoria, chi si immette sull’anello deve azionare l’indicatore sinistro, chi ne esce deve azionare l’indicatore destro.
In ogni caso l’anello della rotatoria è assimilato ad un tronco stradale munito di diramazioni; durante la marcia su di esso, dunque, non è necessario mantenere la segnalazione dell’indicatore sinistro; è invece necessario moderare la velocità ai sensi dell’art. 141, ce. 3 e 4, e attenersi alle prescrizioni dettate dall’art. 154.

In sintesi, il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti spiega che una rotatoria va percorsa come un tratto di strada normale con diramazioni. Oltre all’obbligo di utilizzare gli indicatori (le frecce) sia in entrata (freccia sinistra) che in uscita (freccia destra) le altre disposizioni sono le stesse utilizzate per qualsiasi tipo di strada.

 

Sfatiamo qualche mito

1) Le vetture che percorrono la corsia interna di una rotatoria NON hanno la precedenza in caso di uscita, il cambio di corsia oltre ad essere segnalato anticipatamente non deve creare pericolo agli altri. Perciò se vi trovate una macchina a destra, in prossimità della vostra uscita, dovete rifare l’intera rotatoria perché NON avete nessun tipo di precedenza.

2) Chi si immette in una rotatoria nella corsia più esterna NON è obbligato a svoltare alla prima uscita.

3) E’ sanzionabile l’ occupazione della corsia centrale o di sinistra nel caso di corsia libera a destra.

4) Le corsie interne di una rotatoria sono da considerarsi come normali corsie di sorpasso.



VN:F [1.9.22_1171]
<- L'articolo ti e' stato utile ? : +9 voti positivi