Come calcolare i risarcimenti per inabilità temporanea di lieve entità da incidente stradale

Per il calcolo completo del risarcimento da danno biologico di lieve entità (sotto i 9 punti di invalidità permanente) è necessario introdurre la voce di inabilità temporanea.

Inabilità temporanea: è l’incapacità a svolgere per un periodo di tempo limitato le proprie personali attività quotidiane. L’inabilità coincide in sostanza con il tempo necessario a riprendersi dall’infortunio.

  • Per ogni giorno di inabilità temporanea assoluta (al 100%)  vengono risarciti 46,43 euro. Importo aggiornato dal D.M. 20 giugno 2014 (Gazz.Uff. 04 luglio 2014, n. 153).
  • Per ogni giorno di inabilità temporanea NON assoluta verrà risarcita una percentuale pari a quella dell’inabilità.

L’invalidità temporanea, nell’ambito del danno biologico conseguente alla circolazione di veicoli a motore e natanti, è risarcibile indipendentemente da eventuali ripercussioni sulla capacità di produrre reddito del danneggiato e di conseguenza ne hanno diritto anche i soggetti che non producono reddito come i bambini e i disoccupati.

Per il calcolo del risarcimento del danno non patrimoniale di grave entità (sopra i 9 punti di invalidità) i valori differiscono e sono consultabili tramite le utility per il calcolo del risarcimento danni da sinistro stradale presenti a fondo articolo.

Esempi:

  1. Un giorno di inabilità temporanea al 50% verrà risarcito con 23,21 euro (il 50% di 46,43).
  2. Un giorno di I.T. al 75% verrà risarcito con 34,82 euro (il 75% di 46,43).
  3. Dieci giorni di I.T. al 25% verranno risarciti con 116,07 euro (il 25% di 46,43 moltiplicato per 10 giorni).
  4. Dieci giorni di I.T. assoluta verranno risarciti con 464,30 euro (46,43 moltiplicato per 10 giorni).

Il grado di inabilità, così come quello di invalidità vengono stabiliti da un medico legale.

 

E’ compito del medico legale:

esaminare con compiutezza l’infortunato  e descrivere la natura e l’entità delle lesioni riportate dal soggetto;
valutare la durata dell’I.T. ( inabilità totale e parziale) ad esse conseguita;
verificare la sussistenza di postumi permanenti e, in caso affermativo, indicare il grado percentuale di I.P. (Invalidità permanente);
verificare la sussistenza di danni estetici meritevoli di valutazione;
precisare se esistono possibilità di miglioramento o rischi di aggravamento, dicendone i motivi;
valutare le eventuali ripercussioni del danno biologico sulla capacità lavorativa specifica del soggetto, indicandone, in caso affermativo, l’incidenza percentuale;
valutare la congruità delle spese mediche sostenute e di quelle eventualmente da sostenere.

 

Utility per il calcolo del risarcimento danni da sinistro stradale

(Clicca sulla tabella da consultare)

Tabelle per determinare la percentuale di invalidità

Calcola il risarcimento per danno biologico di lieve entità

NEW !!! Calcola il risarcimento danni da sinistro stradale di grave entità

Guida sul danno biologico

 

VN:D [1.9.22_1171]
<- L'articolo ti e' stato utile ? : +18 voti positivi